LA DOMENICA

DOMENICA 5 Febbraio - V del tempo ordinario

"Risplenda la vostra luce davanti agli uomini"

Qualche settimana fa (III domenica del Tempo Ordinario), il Vangelo ci presentava il tema della luce, identificandola in Cristo, la cui predicazione illumina le regioni dell’anima «immerse nelle tenebre» dell’errore (cf. Mt 4,12-16). Oggi, secondo la parola evangelica, sono i discepoli stessi a diventare «luce del mondo»! Come accade in un prisma di cristallo, in cui l’unica luce bianca del sole viene scomposta in varie tonalità di colori, così è del cristiano: attingendo all’unico splendore eterno di Dio, nella sua vita è chiamato ad esserne un riflesso secondo le capacità e i talenti che il Signore stesso ha posto in lui. Cosicché, in un cammino a ritroso, tutta la comunità della Chiesa possa ricomporre quel luminoso bianco che, anche secondo la filosofia, in maniera paradossale è il riassunto di tutti i colori. Vocazione altissima, impegno grande, ma al contempo estremamente entusiasmante, perché sappiamo che solo la luce e la forza della Parola di Dio possono dare autentico sapore alla vita... come il sale, attingendone giorno dopo giorno nella quantità sufficiente e indispensabile per camminare nei deserti della vita facendoli fiorire di bontà e santità.

Domenica 5 febbraio ESCAPE='HTML'

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente.
Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli».